GAM: in mostra Marina Abramovic e Carla Accardi

GAM

GAM: tra le iniziative omaggi a due importanti artiste contemporanee Marina Abramovic e Carla Accardi.

DONNE corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, la mostra in corso fino al 13 ottobre 2019 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce di nuove opere che andranno a comporre dei veri e propri “omaggi” a cinque importanti artiste contemporanee: Marina Abramovic, Carla Accardi, Mirella Bentivoglio, Maria Lai e Titina Maselli.

L’esposizione delle loro opere sarà l’occasione per riflettere su queste straordinarie protagoniste dell’arte “al femminile”, sulle loro scelte linguistiche e poetiche e sulle differenti modalità di intendere il proprio impegno nell’ambito artistico e pubblico.

Inoltre, è stato anche realizzato un corposo programma di incontri culturali, performances, proiezioni, readings e azioni teatrali, nell’intento di ricostruire attraverso la storia, le arti, la cultura e le artiste protagoniste del periodo, un’immagine a più riflessi dell’evoluzione della rappresentazione del corpo della donna fra XX e XXI secolo.

Marina Abramovic (fino al 21 luglio 2019) sarà presente in mostra con il video originale della performance realizzata dell’artista insieme a Ulay, Imponderabilia, il 2 giugno 1977 presso la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, nell’ambito della Settimana Internazionale della Performance. I due – storici – corpi nudi, l’uno di fronte all’altro, dei due performers a scandire l’entrata del pubblico nel museo. A riflettere sul tempo dell’azione la trascrizione filmica delle stesse parole dell’Abramovic a ricordo e commento dell’evento, tratte da Attraversare i muri. Un’autobiografia (2016). In collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei – MAMBO Museo Arte Moderna Bologna.

A seguire Carla Accardi (dal 23 luglio al 1 settembre 2019), in mostra con una serie di importanti opere dei decenni Settanta e Novanta, fra i quali alcuni bozzetti originali inediti e/o da molto tempo non esposti. Come il “Bozzetto per scultura” (1971-’72) per la Scuola elementare Livio Tempesta di Roma e il “Bozzetto” (1971-’72) per la Scuola media all’epoca dedicata a Luigi Fantappié, sempre di Roma. Sarà anche esposta documentazione originale, proveniente da ARCHIVIA Archivi Biblioteche Centri Documentazione delle Donne di Roma che bene approfondirà l’impegno e l’attività politica e culturale dell’artista.

Continuano anche gli incontri in mostra: venerdì 5 luglio (ore 17,00-18,00), Paola Stelliferi (Università degli Studi Roma Tre), s’intratterrà sul tema FEMMINISMO, la storia di una denominazione e di un movimento, conferenza a cura della Società Italiana delle Storiche. Mentre giovedì 11 luglio (ore 17,00-18,00), Paola Rivolta (scrittrice), RITRATTI DI DONNE: FEMM. Storie di figure femminili amare, malinconiche, perfide, ironiche che raccontano l’ambiguità della natura umana.

Per quanto riguarda invece gli Eventi on open air, nel chiostro/giardino della GAM, venerdì 21 giugno (ore 19,30-21,30) lo spettacolo DIDONE, PER ESEMPIO con Mia Benedetta e Chiara Tomarelli tratto da Didone, per esempio. Nuove storie dal passato di Mariangela Galatea Vaglio. L’autrice sarà presente all’evento.

Giovedì 18 luglio (ore 18.30-21.30), sempre nel chiostro/giardino, serata speciale di poesia e cinema di poesia dal titolo DONNE IN AZIONI E PAROLE, con un reading di poesia di Lucianna Argentino, Stella Cacciamani, Antonella Maria Carfora, Patrizia Chianese, Enza Cigliano, Laura Colombo, Rossana Coratella, Stefania Di Lino, Raff­aella Lanzetta, Maria Teresa Laudenzi, Carolina Lombardi, Stefania Lubrani Fiore, Camelia Mirescu, Maria Grazia Savino, Italia Talamonti, le quali presenteranno anche la loro POETESSA DELL’ANIMA: POETESSE CHE PROPONGONO POETESSE lette da Francesca Golia (attrice) e un omaggio alla poetessa Flavia Falduto (1960-1980). A chiudere la serata la proiezione del film IL CIELO IN ME. VITA IRRIMEDIABILE DI UNA POETESSA, dedicato alla vita e all’arte di Antonia Pozzi (1912-1938), regia di Sabrina Bonaiti e Marco Ongania, Italia 2014 (67’). In collaborazione con il Comune di Pasturo (Lecco).

La mostra, a cura di Arianna Angelelli, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura, in collaborazione con Cineteca di Bologna e Istituto Luce. Mentre il programma degli eventi è stato realizzato anche con la collaborazione di: Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, RAI Teche e Società Italiana delle Storiche.